Veneto

Dolada

Tutto scorre ma l'essenza delle cose qui non cambia. Il Dolada rimane un punto di riferimento dell'alta cucina bellunese, un luogo dove classe ed eleganza contraddistinguono ogni dettaglio, dove la sosta ha i tratti di un'esperienza onirica che lascia impressi nella mente piacevolissimi ricordi: del posto - un colle che è una terrazza naturale sui monti dell'Alpago e sul lago di Santa Croce -, della raffinata ospitalità e dei piatti di Riccardo De Pra, mutevoli come le stagioni e sempre stimolanti.

Il padre Enzo è stato il primo l'artefice dei fasti di questa insegna che brilla nel firmamento Michelin da più di trent'anni. L'erede è sì un figlio d'arte, ma ha il merito di aver coltivato una cucina tutta sua, sviluppando le proprie idee. Che attinga dalla memoria (Trittico di agnello d'Alpago: costolette impanate alla maniera della nonna, arrosticino alla brace e fongadina gratinata) o dai diari di viaggio (Crema allo zenzero, Champagne e cappesante) elabora sapientemente ricette creative con risultati netti e puliti.

L'attenzione scenografica è notevole e va a braccetto con il richiamo sempre più forte alla natura: alcune pietanze vengono servite su pietra o legno (è il caso della Tartare di cervo ai profumi del bosco o del Salmone selvaggio affumicato in casa, burro di malga e rafano). Così, di bontà in bontà, si gode una sosta gioiosa sino all'ultimo boccone, allietata anche da una carta dei vini interessante e ben pensata: per il consiglio sugli abbinamenti ci si può affidare a occhi chiusi a mamma Rossana, sommelier di infinita esperienza.

Chef
Riccardo De Pra

Sous-chef
Shoko Tanaka

Ai dolci
Sara Zanellato

In sala
Rossana Roma

In cantina
Rossana Roma

Contatti

+ 39 0437 479141
via Dolada, 21
32010 - Pieve d'Alpago (Belluno) - Plois
dolada.it
info@dolada.it


Chiusura
lunedý, martedý pranzo e a cena domenica
Ferie
variabili a gennaio e a marzo
Menu degustazione
62 e 88 euro
Antipasto
24 euro
Primo
26 euro
Secondo
30 euro
Dolce
12 euro

Cos'ha scoperto lo chef
la coltivazione sinergica degli ortaggi
Perché fermarsi
per il Vitello tonnato 1853, golossisimo omaggio a Pellegrino Artusi

Lo chef consiglia
Centro Caseario del Cansiglio, viale Marconi 82, Tambre (Bl): per gli ottimi latticini bio

+ 39.0437.439722

Dove dormire
nelle accoglienti camere proprio sopra il ristorante

+

Andrea Ciprian
Andrea Ciprian

Bellunese, classe 1972, è giornalista freelance e da un decennio collabora con diverse testate enogastronomiche venete e nazionali. Dirige il web magazine dolomitireview.com

Condividi l'articolo