Lombardia

Yoshi

A Milano esiste un'associazione che riunisce gli autentici locali di cucina giapponese. Non poteva che sorgere nella città più attenta alle cucina e alle culture di altri Paesi, la sola dove nessuno si offende se chi arriva da lontano trova mediocre un risotto allo zafferano o legnoso un ossobuco. E' una faccenda che riguarda quel ristorante, mica è in ballo l'onore cittadino. Ecco che proprio a Milano le insegne giapponesi devono difendersi dalla concorrenza di chi, i cinesi su tutti, cavalcano l'onda di sushi e sashimi, forti di una robusta rete commerciale e da prezzi competitivi. Un po' come successe per la cucina italiana così taroccata nel mondo.

Così, al 7 di via Parini, Yoshinobu Kurio, che per tutti è Yoshi e basta anche per il nome del posto, apre il suo sito con la scritta: «Yoshinobu, ristorante giapponese autentico». E ben sapendo di piacere anche ai suoi connazionali è presente anche la versione in giapponese. Non succede con tanti suoi colleghi.

Una prima linda stanza tutta bianca, poi un corridoio che porta al bancone dove il titolare incanta con la preparazione dei crudi. La cucina per i caldi è subito oltre. Rigoroso nelle materie prime, Yoshi ha fantasia nelle proposte. Il suo Giappone fa sue le varie novità. L'avocado ad esempio c'è e quei rotoloni con sopra una battuto di pomodoro condito pure. Ci sono straordinarie teste di pesci nobili alla griglia, le moeche fritte quando è stagione e uno pensa di dover essere nella laguna veneta per gustarle, c'è lui pronto a esaltarsi davanti a ogni richiesta di mano libera. Prima però controllate i prezzi. Il menu è chiaro e invitante.

Chef
Yoshinobu Kurio

Ai dolci
Yoshinobu Kurio

In sala
Hiro Hikeda, Francesca Manotti e Davide Mazzilli

In cantina
Hiro Hikeda

Contatti

+39 02 36591742
via Giuseppe Parini, 7
20121 - Milano
ristoranteyoshi.com
info@ristoranteyoshinobu.com


Chiusura
sabato a pranzo e l'intera domenica
Ferie
tre settimane variabili ad agosto e 3 a Pasqua
Prezzo medio vino escluso
60 euro

Cos'ha scoperto lo chef
lo yuzu
Perché fermarsi
per la sapida soavità dei sushi

Lo chef consiglia
Don Juan, via Altaguardia 2, Milano, ristorantedonjuan.com

+39.02.58430805

Dove dormire
hotel Principe Di Savoia, piazza della Repubblica 17, Milano

+39.02.62301

Paolo Marchi
Paolo Marchi

nato a Milano nel marzo 1955, al Giornale per 31 anni dividendosi tra sport e gastronomia, è ideatore e curatore dal 2004 di Identità Golose.
twitter @oloapmarchi

Condividi l'articolo