Veneto

La Peca

Nicola Portinari scava nei ricordi: «La prima volta che abbiamo preparato un piccione al sangue, me l’hanno lanciato dietro!». Era difficile proporre alta cucina, se si stava in periferia, tanti anni orsono. Tre decenni abbondanti dopo, invece, è tempo dei complimenti: La Peca ha spento nel 2017 le 30 candeline, illuminata dalle due stelle, senza patire il trascorrere del tempo, «merito anche della nostra brigata, che è giovane e molto stimolante».

Hanno lasciato il segno, i fratelli Portinari, il fratello maggiore Pierluigi cura sala e cucina. Anzi hanno lasciato l’impronta (questo è il significato della parola “peca”, in veneto): nome perfetto perché, come abbiamo scritto ne 100 Chef x 10 Anni (Mondadori) “è come se loro – umili quanto capaci – facessero un passo indietro, ambissero soprattutto ad amplificare il ricordo degli aromi che respiravano (e gustavano) fin da bambini, quando nella grande cucina della casa di famiglia venivano sfamate 15-20 persone per volta, il loro papà è stato proprietario per 55 anni di una macelleria-rosticceria e sapeva il fatto suo...”.

Chiediamo a Nicola: ma come si fa a tenere alta la barra della qualità (e i conti floridi) per anni e anni di fila? La sua risposta è articolata: «Certo fare gruppo e creare una brigata giovane e affiatata, che sia continua fonte di stimoli. Poi aggiungo: innanzi tutto, una grande materia prima. E ancora, bisogna rassicurare la clientela, che alla lunga non apprezza piatti troppo sperimentali, estremi. Serve equilibrio, partendo da una base storica», il che non vuol dire fermarsi al passato, nella nostra degustazione l’anguilla e l’agnello sono piatti del 2015, gli spaghettoni e il guancialino idee di quest’anno… Piatti buonissimi, come tutti gli altri: a La Peca si va sul sicuro.
 

Leggi ancheCompleanno La Peca: 30 anni di buono

 Brambilla-Serrani

Chef
Nicola Portinari

Vai alla scheda dello chef

Sous-chef
Fabio Chilese e Marco Faedo

Ai dolci
Martina Gaspari

In sala
Cinzia Boggian e Pierluigi Portinari

In cantina
Matteo Bressan e Ludovica Foà

Contatti

+ 39 0444 830214
via Alberto Giovannelli, 2
36045 - Lonigo (Vicenza)
lapeca.it
info@lapeca.it


Chiusura
domenica sera e l'intero lunedì; a giugno, luglio e agosto anche domenica a pranzo
Ferie
15-30 giugno, una settimana variabile ad agosto e una fra gennaio e febbraio
Menu degustazione
85, 130, 155 e 190 euro
Antipasto
32 euro
Primo
30 euro
Secondo
42 euro
Dolce
19 euro

Cos'ha scoperto lo chef
l'uso dei cocktail in cucina non come abbinamento, ma come parte integrante del piatto
Perché fermarsi
per lo Spezzatino inverso: prezzemolo, prezzemolo tuberoso, tuberi e pannocchiette. Un piatto fantastico, «i tuberi danno la sensazione della carne». Vero

Lo chef consiglia
Al Callianino, via Adige 46, Pergola (Verona)

+39.045.6176813

Dove dormire
Le Barchesse di Villa Trissino, via R. Sabbadini 20, Meledo (Vicenza)

+39.0444.820194

Carlo Passera
Carlo Passera

classe 1974, giornalista professionista, si è a lungo occupato soprattutto di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa esattamente l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta sui viaggi e sulla buona tavola. Caporedattore di identitagolose.it

Condividi l'articolo