Brasile

D.O.M.

Il nome del ristorante D.O.M., abbreviazione Latina di Deo optimo maximo, ha per me un’altra sfumatura semantica visto che, nella mia lingua nativa, il polacco, dom (a sua volta derivato dal latino domus) significa “casa” e, infatti, D.O.M. è una casa, è la casa della gastronomia brasiliana moderna e lo chef Alex Atala è il suo migliore esponente, a livello nazionale e internazionale.

La cucina di D.O.M. è un viaggio attraverso i sapori brasiliani, con una vasta gamma di ingredienti provenienti dall’Amazzonia, molti dei quali presenti ormai dalla notte dei tempi nella dieta della gente indigena, introdotti da Atala al mondo di fine dining. I componenti brasiliani per eccellenza nella mani di Atala vengono trasformati nei piatti squisiti, moderni, eleganti, a volte anche sorprendenti, o provocativi.

Atala ha fatto numerosi viaggi in Brasile, specialmente in Amazzonia, per cercare nuovi ingredienti che poi usa nel suo ristorante, come le ormai emblematiche formiche amazzoniche, che hanno sapore di zenzero e citronella e le quali lo chef serve corraggiosamente intere su un cubo di ananas; cuore di palma in forma di fettuccine con burro e salvia; manioca, un ingrediente molto versatile da cui si ottiene tapioca (fecola) o tucupi (liquido estratto di manioca); priprioca; pirarucù; e molti altri.

D.O.M. offre un’indimenticabile escursione culinaria nel mondo degli autentici sapori del Brasile che si può esplorare attraverso i menu degustazione Optimus (6-7 piatti) e Maximus (10 piatti) e le loro rispettive versioni vegetariane. Da menzionare anche una buona selezione di vini da cui sicuramente il sommelier João Pichetti vi sceglierà qualcosa di eccezionale.

 Brambilla-Serrani

Chef
Alex Atala

Vai alla scheda dello chef

Sous-chef
Geovane Carneiro

Ai dolci
Barbara Andrade

In sala
Andre Madureira

In cantina
João Pichetti

Contatti

+55 11 30880761
rua Barão de Capanema, 549
- San Paolo - Jardins
domrestaurante.com.br
dom@domrestaurante.com.br


Chiusura
l'intera domenica e sabato a pranzo
Ferie
22 dicembre-2 gennaio e variabili a Carnevale
Menu degustazione
375, 485 e 645 real

Perché fermarsi
per provare gli ingredienti endemici brasiliani, specialmente la formica Saúva, proiettati in un contesto di alta cucina contemporanea

Lo chef consiglia
Mercado Municipal de Pinheiros, rua Pedro Cristi 89, Pinheiros: per l’abbondante varietà di ingredienti freschi

+

Dove dormire
InterContinental, Alameda Santos, 1123, Jardim Paulista, San Paolo

+55.11.31792600

Beniamin Chalupinski
Beniamin Chalupinski

Cuoco, giornalista, dottore di ricerca in Linguistica italiana, autore dei libri in materia, differenti cammini convergono in una stessa professione, dalle lettere alla cucina, dalla cucina al giornalismo e dal giornalismo alla cucina, gli stessi che l’hanno portato a scrivere per riviste messicane come Protocolo, Saborearte e Siempre
Facebook: @bchalupinski

Condividi l'articolo