DRINK RESPONSIBLY
DRINK RESPONSIBLY

Ricerca

Sicilia

Signum

Esistono ristoranti, specie in luoghi periferici, che diventano qualcosa di più: vanti per la popolazione, richiamo per i forestieri, persino ufficio del turismo e pro loco; creano una rete d’interessi (anche) economici con i produttori locali, ne valorizzano il lavoro, stimolano la qualità, evitano l’abbandono delle campagne… Insomma manca poco che divengano municipi. Così è, per dire, a Caiazzo con Pepe, o a Castel di Sangro con Romito. Succede pure a Salina, grazie al Signum.

Quella dei Caruso è innanzitutto una bellissima storia familiare: un clan – in senso buono – affiatato, che sviluppa con intelligenza la propria creatura, mettendoci immense passione e dedizione, fino a farne un gioiello la cui fama poco a poco travalica i confini territoriali e diventa un piccolo caso. Ci piacerebbe sapere quanti turisti oggi vanno a Salina pure o soprattutto per il Signum, o perché il Signum ha dato loro l’idea: esisterà qualche statistica?

Poco importa. Perché a noi basta celebrare la straordinarietà di un’ospitalità squisita (Luca Caruso è un fuoriclasse) tra panorami mozzafiato, e la qualità di una cucina, affidata alla giovane Martina Caruso, che non solo è eccellente di suo (non a caso per la Guida Identità Golose è la migliore chef dell'anno), ma vanta un plus: fa sistema col territorio, come nelle Cozze con lardo di suino nero dei Nebrodi, miele di ape (pure lei nera) sicula e lenticchia di Ustica. Una specie di sintesi local con tre Presìdi Slow Food. E poi sono buonissime.

Carlo Passera

classe 1974, giornalista professionista, si è a lungo occupato soprattutto di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa esattamente l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta sui viaggi e sulla buona tavola. Caporedattore di identitagolose.it

Chef
Martina Caruso

Vai alla scheda dello chef

Sous-chef
Giacomo Caravello

Ai dolci
Martina Caruso e Simona Fratto

In sala
Luca Caruso

In cantina
Luca Caruso e Francesco Previtera

Contatti

+39 090 9844222
via Scalo 15
98050 - Salina (Messina) - Malfa
hotelsignum.it
info@hotelsignum.it


Chiusura
mai
Ferie
dal 31 ottobre fino a Pasqua
Menu degustazione
70, 90 e 120 euro
Antipasto
18 euro
Primo
28 euro
Secondo
25 euro
Dolce
10 euro
Coperto
3 euro

Cos'ha scoperto lo chef
la melanzana come ingrediente, l'affumicatura e la marinatura come tecnica
Perché fermarsi
perché è una squisita scusa per andare a Salina

Lo chef consiglia
Bar Alfredo, via Marina Garibaldi, localita' Lingua, alfredoincucina.com

+39.090.9843307

Dove dormire
in una delle stanze dell'hotel

Condividi l'articolo

Guida 2017 S.Pellegrino singola 1