Lazio

Epiro

Quello che era nato come un (vero) bistrot romano - con tanto di bancone street food e una cucina divertente, un'atmosfera informale e una scelta di vini "secondo natura" e birre (soprattutto acide) da fare invidia a molti pub - è diventato negli anni un ristorante a tutti gli effetti, tra i più apprezzati da chi cerca una cucina originale e ben fatta senza troppo fronzoli nel servizio e nell'ambiente. Perché, se è vero che la sala si è rifatta il look e che non ci sono più i fritti per l'aperitivo, la cosa bella è che nella sua naturale evoluzione Epiro non si è perso per strada tutto il resto.

Merito di Marco Mattana e Matteo Baldi, in cucina, che continuano a sfornare piatti interessanti, a volte azzardati, che mixano senza paura Italia, Oriente e altre latitudini con ottimi risultati, come i ravioli al vapore ripieni di cacio e pepe con tenerume di zucchine, gli gnocchi al nero con ragù di seppie, fagioli corallo e caciocavallo podolico, l'agnello al berberé con cicoria, peperoni e cipolle borretane arrosto, il maialino al sidro.

Ma pure di Alessandra Viscardi e Francesco Romanazzi che, tra sala e cantina, preferiscono prendersi il rischio di stuzzicare la curiosità degli ospiti anziché rassicurarli con il già visto/provato. Qui le parole d'ordine sono apertura, sperimentazione e tanto, tanto lavoro; così nascono non solo i piatti della carta ma anche le serate con ospiti dall'Italia e dal mondo, chef, vignaioli e produttori con cui ci si trova sulla stessa lunghezza d'onda. E pure le verdure dell'orto sinergico, coltivate e raccolte in proprio.

Chef
Marco Mattana e Matteo Baldi

Sous-chef
Michele De Chirico

Ai dolci
Marco Mattana

In sala
Alessandra Viscardi

In cantina
Francesco Romanazzi

Contatti

+39 06 69317603
piazza Epiro, 25/27
00183 - Roma
epiroroma.it


Chiusura
l'intero lunedì e a pranzo dal martedì al venerdì
Ferie
variabili in agosto, 24-26 dicembre
Carte di credito
no Diners
Menu degustazione
50 e 55 euro
Antipasto
14 euro
Primo
16 euro
Secondo
26 euro
Dolce
10 euro

Cos'ha scoperto lo chef
la differenza di deperibilità (e sapore) tra le verdure comprate e quelle appena raccolte nell'orto
Perché fermarsi
per apprezzare l'evoluzione da bistrot a ristorante e il grande lavoro su materie prime e preparazioni da parte dei giovani chef patron

Lo chef consiglia
Enoteca Mostò, viale Pinturicchio 32, Roma: grande selezione di bottiglie italiane e francesi

+39.392.2579616

Dove dormire
Etruria Relais and Wine, via Etruria 37, Roma, etruria.relaisandwine@gmail.com

+39.06.99700108

Luciana Squadrilli
Luciana Squadrilli

giornalista, napoletana di nascita e romana d'adozione, cerca di unire le sue tre passioni: mangiare, viaggiare e scrivere

Condividi l'articolo