Spagna

Mugaritz

Sotto l'ombra della grande quercia che dà il nome al ristorante, Andoni Luis Aduriz continua imperterrito a rincorrere l'utopia gustativa, spingendo sempre più avanti il suo orizzonte gastronomico. Mugaritz è luogo di culto. È peregrinazione obbligatoria per chiunque desideri infrangere frontiere. Quelle del gusto e dell'immaginazione. E non di piatto o di menu si tratta, ma di una esperienza unica in un universo che non ha simili.

Eliminata ogni traccia di convenzioni, da quest'anno scompaiono gli ultimi tabù. Innanzitutto quello del dolce, che non esiste più come tale e come categoria a parte, ma è un sapore come tutti gli altri che riemerge in forme più o meno evidenti nella lunga passerella di oltre 25 assaggi unici. Anche la forma è definitivamente stravolta: posate e piatti sono quasi sconosciuti. Gran parte delle preparazioni si devono toccare e gustare con le mani, che diventano organo del gusto. Tantissimi i nuovi piatti icona. Alcuni incorporano l'essenza del vino. Come podredumbre noble, la pera inoculata con botrite e accompagnata da 4 muffati prestigiosi.

O moleculas de cultura, il mochi ripieno di caviale e con la molecola aromatica dei riesling invecchiati. Altri invece cercano testure estreme. Come asado de pollo, il boccone di pelle di pollo ripieno di scrocchianti cartilagini; o kagami de piñones y raspadura de hielo, la caraffa commestibile fatta di zucchero e ripiena di acqua di pinoli freschi, da rompere e mangiare con il cucchiaio insieme al contenuto. Un gioco infinito tra stupore, astrazione e sfida, dedicato a chi a giocare è disposto.

 Brambilla-Serrani

Chef
Andoni Luis Aduriz

Vai alla scheda dello chef

Sous-chef
Miguel Caño e Juan Antonio Vargas

In sala
Mohamed Benabdallah

In cantina
Guillermo Cruz

Contatti

+34 943 522455
Aldura Aldea, 20
20100 - Errenteria - Gipuzkoa
mugaritz.com
info@mugaritz.com


Chiusura
l'intero lunedì, martedì a pranzo, domenica sera
Ferie
15 dicembre-15 aprile
Menu degustazione
204 euro

Cos'ha scoperto lo chef
come inserire nei piatti l'aroma dei riesling invecchiati
Perché fermarsi
per capire che avanguardia è poesia

Lo chef consiglia
Topa Sukaldería, Calle Aguirre Miramón 7, San Sebastian

+34.943.569143

Dove dormire
Hotel María Cristina, Paseo Republica Argentina, 4, San Sebastian

+34 943 437 600

Carlotta Casciola
Carlotta Casciola

umbra di nascita, spagnola di adozione, giramondo per vocazione. Laureata in Economia, dal 2003 si occupa di turismo, vino e gastronomia per Alacarta
Twitter @alacarta

Condividi l'articolo