Lombardia

Iyo

Identità Golose stima moltissimo Claudio Liu, patron dell’Iyo, e la sorella Giulia, artefice di quell’altra splendente gemma gastronomica, ancora troppo poco celebrata, che è il Gong. Sono milanesi Doc, perché della migliore milanesità – e pensiamo alla città “buona”, quella che accoglie e dà spazio a chi ha idee, passione e voglia di fare - hanno i tratti, se non somatici, certamente caratteriali: sono volitivi, preparati, abili, intelligenti, pragmatici, con un plus di cordialità e gentilezza che magari allignano meno in città, ma sono invece tratti peculiari dei due.

Liu, con tre insegne – le citate più il Ba Asian Mood – sono il punto di riferimento per la Milano della ristorazione multietnica; incarnano il dinamismo e l’apertura odierne di una metropoli che dà segni chiari d’essersi svegliata dal provincialismo che l’aveva caratterizzata a lungo, e si apre al mondo senza paure e paraocchi. Non ci sorprende che Claudio non si sia fatto cogliere impreparato, quando lo chef dell’IyoHaruo Ichikawa, protagonista di quella cavalcata che ha portato il ristorante a essere il primo di cucina internazionale a ricevere la stella in Italia, ha deciso di concedersi un po’ di riposo. Passati ormai i sessant’anni, aveva bisogno di rifiatare. Una perdita che è stata pienamente compensata dalla promozione dell’ottimo Michele Biassoni a capo della cucina, con il ritorno di Masaki Okada al banco del sushi.

I due già tenevano il timone, ora sono saliti sul ponte più alto. Continuano il percorso intrapreso, senza perdere l'abbrivio. Sono proprio bravi, come buoni sono i gunkan, Bufferfly Ebi, Tartare 2.0 e le tante altre loro creazioni, vecchie e nuove, che Milano ha ormai ben imparato ad amare.


Leggi ancheIchikawa lascia, l'Iyo di Milano alla coppia Biassoni-Okada

Chef
Michele Biassoni e Masaki Okada

Ai dolci
Claudia Del Frate

In sala
Matteo Ghiringhelli

In cantina
Matteo Ghiringelli e Danilo Tacconi

Contatti

+39 02 45476898
via Piero della Francesca, 74
20154 - Milano
iyo.it
info@iyo.it


Chiusura
l'intero lunedì e il martedì a pranzo
Ferie
una settimana tra Natale e Capodanno e le due centrali di agosto
Carte di credito
no Diners
Prezzo medio vino escluso
80 euro
Menu degustazione
95 euro

Cos'ha scoperto lo chef
Biassoni: moro miso, salsa a base d'orzo fermentato. Okada: il sale di Sakura, ai fiori di ciliegio
Perché fermarsi
perché dopo il ritiro di chef Haruo Ichikawa la giovane coppia Biassoni-Okada procede comunque a gonfie vele

Lo chef consiglia
Michele dice: Rovello 18, via Tivoli 2, c'è un'atmosfera che mi fa sentire a casa. Masaki dice: pescheria Sardamar, via Ampere 126, pesce freschissimo

+

Dove dormire
Una Hotel Scandinavia, via Giovanni Battista Fauchè 15, Milano

+ 39.02.336391

Carlo Passera
Carlo Passera

classe 1974, giornalista professionista, si è a lungo occupato soprattutto di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa esattamente l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta sui viaggi e sulla buona tavola. Caporedattore di identitagolose.it

Condividi l'articolo