Spagna

Hoja Santa

Il luna park gastronomico dei fratelli Adrià (Ferran e Albert)? Lo trovate in questa manciata di isolati situati nell'emergente quartiere Sant Antoni. I due chef-imprenditori lo chiamano già elBarri, nome che non a caso ricorda molto elBulli, tanto da organizzare un gettonatissimo tour (gourmet) fra i vari locali che sovrintendono. Cioè, una mezza dozzina di insegne per ogni gusto e tasca, dove spicca anche questa intrigante e doppia proposta al grido di "Que viva Mexico!": se alla taqueria Niño Viejo si beve tequila e si gusta il tipico street food ma in versione 5.0, nell'adiacente, più ampio e sciccoso Hoja Santa (stellato Michelin, insieme ai "fratelli" Tickets e Pakta) la rivisitazione adrianesca della cocina mexicana si fa più raffinata e concettuale.

Così, dalle mani del giovane e brillante chef Paco Méndez, sui tavolini che fronteggiano la cucina a vista e dentro una ricercata vaissellerie, arrivano le interpretazioni più fantasiose e goduriose della tradizione mex-mex: ostriche fresche con sughetto al peperoncino, un gazpacho di avocado guacamole-style, tacos con anatra e foie gras, un pollo in brodo senza pollo, un frozen ceviche di zuppa di pesce. E per dessert, un pseudo-cocktail Margarita con "nuvola" di cocco, come pure un gelato di coriandolo abbellito da finti cactus con finti e simpatici bachi appesi (tutto edibile, inutile dirlo).

La nueva ola messicana? Sicuro, e ai massimi livelli creativi. Per chi non si è mai seduto da Pujol a Città del Messico, o anche solo al Bulli, un must imprescindibile.

Chef
Paco Méndez

Sous-chef
Paco Medina

Ai dolci
Hugo Randel

In sala
Diego Brava

In cantina
Diego Brava

Contatti

+34 93 3482194
avenida Mistral, 54-56
08015 - Barcellona
hojasanta.es
info@hojasanta.es


Chiusura
domenica e lunedě; a pranzo aperto solo sabato
Ferie
24 dicembre 2017-17 gennaio 2018; 17 aprile-24 aprile; 12-21 agosto; 24-31 dicembre
Prezzo medio vino escluso
80 euro
Menu degustazione
120 euro
Antipasto
5 euro
Secondo
30 euro
Dolce
8 euro

Cos'ha scoperto lo chef
la salsa di aglio nero, ma anche rari e squisiti peperoncini messicani come il Chilhuacle negro
Perché fermarsi
per la rivisitazione 5.0, in pieno stile Bulli, della cucina messicana

Lo chef consiglia
La Pineda, Carrer del Pě 16, Barcellona, xarcuterialapineda.com, per un vermut prima di cena

+34.93.302.43.93

Dove dormire
Silken Concordia, Aven. Paralelo 115, Barcellona

+34.933.249180

Paolo Scarpellini
Paolo Scarpellini

origini bergamasche, infanzie bolognesi, adolescenze milanesi e maturità torinesi, abbina da sempre le sette note, come giornalista prima musicale poi enogastronomico, a ristoranti, vini e viaggi. Adesso anche nelle vesti di music designer e sound sommelier. Curioso e indagatore, ha un debole per le nuove leve e gli chef più creativi

Condividi l'articolo