DRINK RESPONSIBLY
DRINK RESPONSIBLY

Ricerca

Puglia

Le Giare

Nel canzoniere delle Giare c'è tutta l'avventurosa nomenclatura gastronomica che dalla Madonnina del Pescatore di Moreno Cedroni ha traslocato insieme allo chef Antonio Bufi nel quartiere Carrassi. Un segmento urbano della metropoli barese senza troppe seduzioni se non questa cucina allegra come nessuna, cucita sulla taglia del cuoco e della brigata al trotto con lui dietro le quinte.

Nei menu, variabili con l'avvicendarsi di solstizi ed equinozi, si trovano "Pesci veloci del Baltico" e il "Canto diurno delle cicale marine". Polveri di barbabietola e riduzioni di xeres. Radici di galanga asiatica e musciske daune. Insomma un po' giappo e un po' pugliese, molto concreta e un po' favolosa, una cucina di contaminazioni felici senza mai rimetterci in etica. Un esempio? Il fusillone #notriv che ha fatto il giro d'Italia, ovvero un Fusilloro soffiato al centro di un brodetto di cavolo viola, alga wakame e bonito, scampo e gambero crudi, cozza alla Peroni, calamaro scottato e olio alle olive nere al forno.

Cucina militante dunque, ma condita di emulsioni di buonumore, curiosità onnivora e beva profondissimamente democratica. A Le Giare vincono le storie di vignaioli piccolissimi e dei loro grandi vini, con etichette al calice. Il resto lo fa la sala esperta, che si muove con grazia fra i tavoli: levità di ballerina (letteralmente) e gentilezza d'antan fanno di Lucia Della Guardia non solo l'alter ego dello chef, ma una delle stelle promesse della ristorazione pugliese.

Sonia Gioia

Cronista di professione, curiosa per vocazione, attitudine applicata al giornalismo d’inchiesta e alle cose di gusto. Cura per Repubblica il blog d'autore unpocodibuono

Chef
Antonio Bufi

Ai dolci
Antonio Bufi

In sala
Lucia Della Guardia

In cantina
Lucia Della Guardia e Valentina Ottobre

Contatti

+39 080 5011383
corso Alcide De Gasperi, 308f
70125 - Bari

info@legiareristorante.it


Chiusura
domenica; aperti solo la sera
Ferie
due settimane variabili agosto e 1-7 gennaio
Prezzo medio vino escluso
45 euro
Menu degustazione
50 e 65 euro

Cos'ha scoperto lo chef
le fermentazioni
Perché fermarsi
per la cifra completamente naturale della cucina e l'atmosfera gaudente che si respira fra sala e fornelli

Lo chef consiglia
Mezza Pagnotta, via Rosario 9, Ruvo di Puglia (Bari): «perchè abbiamo lo stesso approccio alla natura e crediamo in una ristorazione ecosostenibile»

+39.347.9996475

Dove dormire
hotel Rondò, corso Alcide De Gasperi 308, Bari

+39.080.5023444

Condividi l'articolo