DRINK RESPONSIBLY
DRINK RESPONSIBLY

Ricerca

Lombardia

Zazā Ramen

La macchina della bontà nella centrale via Solferino è stata concepita e messa in piedi da Brendan Becht – chef olandese ma meneghino d’acquisizione, già con Gualtiero Marchesi ma prima ancora con Michel Bourdin, Pierre Hermé e Alain Senderens – insieme ai soci Kevin e Sumika Ageishi. Dal 30 novembre 2013 ha importato sotto la Madonnina il ramen, piatto tradizionale jap e tra i preferiti del commissario Zenigata (alias Zazà, di qui il nome) di Lupin III.

Nella valanga di ristoranti con gli occhi a mandorla che interessa la città, questo spicca di gran lunga: intanto, si focalizza su un piatto principale, il ramen appunto, che per chi non lo sapesse è una delizia a base di pasta fresca (anche integrale, con Petra 1) servite in brodo di carne e/o pesce, spesso insaporito con salsa di soia o miso, e con guarnizioni tra le più varie: tanti tagli di maiale, uova, mille verdure diverse, polpo, funghi…

Poi lo fa al meglio, con un’attenta ricerca degli ingredienti, preparazioni tutte homemade e nessun additivo chimico, grazie a un’organizzazione perfetta – non a caso parlavamo di macchina da guerra – che cuoce in forno a vapore, raffredda, sguscia a mano e poi manda in marinatura, tanto per dire, fino a 700/800 uova ogni weekend.

Il ramen proposto da Becht e dal suo chef Raffaele Mandarino prende l’originale nipponico e lo adatta al gusto italiano: molti grassi in meno ma senza perdere neppure un’oncia di sapore, grazie alla concentrazione del gusto e, come detto, l’utilizzo di ottime materie prime. Si può scegliere tra varie versioni (di brodi, di pasta fresca, di condimenti: per ramen a base di carne, di pesce o completamente vegetali. Piccanti e non), ma non sono da trascurare anche gli ottimi antipasti, buonissimi i ravioli giapponesi o la zucca Uchiki kuri. Ottime la carta delle birre del Sol Levante – non le solite tre che si trovano ovunque – e la location, calda e accogliente, come il servizio. Una bella storia di successo.

Carlo Passera

classe 1974, giornalista professionista, si è a lungo occupato soprattutto di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa esattamente l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta sui viaggi e sulla buona tavola. Caporedattore di identitagolose.it

Chef
Brendan Becht e Raffaele Mandarino

Contatti

+39 02 36799000
via Solferino 48
20121 - Milano
www.zazaramen.it
info@zazaramen.it


Chiusura
mai
Ferie
variabili a Pasqua, agosto e Natale
Prezzo medio vino escluso
25 euro
Antipasto
6 euro
Secondo
14 euro
Coperto
2 euro

Cos'ha scoperto lo chef
il Kara-miso ramen, piccante
Perché fermarsi
perché sono stati i primi a proporre il ramen a Milano. E lo preparano con le migliori materie prime

Lo chef consiglia
Sakeya - The House of Sake, via Cesare da Sesto 1, Milano, sakeya.it: nuovo locale, č negozio di sake, cocktail bar e anche gradevole bistrot

+39.02.94387836

Dove dormire
Italianway apartments, via De Cristoforis 2, Milano, it.italianway.house: molti appartamenti in zona

+39.02.62086367

Condividi l'articolo