Lombardia

Casa Ramen Super

Luca Catalfamo, il milanese che faceva i ramen in Giappone, ha aperto 9 mesi fa la sua premiatissima seconda insegna. A Casa Ramen, il gettonatissimo micro-locale di via Porro Lambertenghi, un isolato più in là, ha affiancato un’izakaya, “trattoria giapponese”.

La carta del Super dà sfogo all’istinto del ragazzo con una serie più complessa di piatti che nell'insegna madre non era possibile concepire. Il ramen più buono della città è anche qui, ma in due sole versioni: Soya Ramen (pollo, chashu, anatra, erbe, funghi) e Super Ramen (dashi, ceci, uovo marinato, verdure).

Prima, però, c’è da ordinare tutta una serie di entrée da condividere. Mangeremmo a getto continuo la Super Tempura di asparagi, da pucciare in una salsa mirin con tuorlo d’uovo da sciogliere dentro. Le cozze affumicate al sakè (ah, avere un po’ di pane per la scarpetta), le costine di maiale (kakuni) con mizuna e senape, che esprimono tutta la gioia dell’agrodolce. Per non dire della Quaglia, fritta con cavolo cinese e salsa tonkatsu. Da sgranocchiare con modalità barbariche.

I sapori arrivano generosi fino al dessert: il Dorayaki è un panino fatto a pancake con gelato dentro. Non dovessimo tornare a casa, ricominceremmo da capo.

Chef
Luca Catalfamo

Sous-chef
Bendepka Hisham

Ai dolci
Simone Cioni

In sala
Lisa Piccolo

In cantina
Lisa Piccolo

Contatti

+39 02 83529210
via Ugo Bassi, 26
20159 - Milano
casaramensuper.it
prenota@casaramensuper.it


Chiusura
lunedì
Ferie
1-30 agosto
Carte di credito
no American Express e Diners
Menu degustazione
32 euro
Antipasto
7 euro
Primo
10 euro
Secondo
15 euro
Dolce
7 euro

Cos'ha scoperto lo chef
il brodo di pollo
Perché fermarsi
perché la prima izakaya di Milano e, visto l'esempio, rischia di non rimanere l'unica

Lo chef consiglia
Ta-Hua, via Gustavo Fara 15, Milano, tahua.it: un ottimo ristorante cinese

+39.02.66987042

Dove dormire
Tocq Hotel, via Alessio di Tocqueville 7d, tocq.it

+39.02.62071

Gabriele Zanatta
Gabriele Zanatta

classe 1973, laurea in Filosofia, giornalista freelance, coordina i contenuti della Guida ai Ristoranti di Identità Golose dalla prima edizione (2007), collabora con varie testate e tiene lezioni di gastronomia presso diversi istituti e università. twitter @gabrielezanatt

Condividi l'articolo