Francia

Dilia

La cucina di Dilia è una rassicurante sorpresa, che stuzzica e conforta, coccola e stupisce, cucina di testa e di pancia. Intrecciando liberamente i fili della tradizione italiana a quelli di una creatività apolide, Michele Farnesi tesse menù che alternano delicata raffinatezza a schietta generosità.

Introdotto all'alta cucina da Fulvio Siccardi (Conti Roero, Monticello d'Alba) Michele lavora poi con Stefano Catenacci (Operakällaren,Stoccolma) e Massimo Bottura. Nel 2012 arriva a Parigi: da Saturne di Sven Chartier, da Rino, di Giovanni Passerini, all'hotel Thoumieux di Jean-François Piège e da Heimat di Pierre Jancou. Nel settembre 2015 apre Dilia, nell'ex sede di Roseval di Simone Tondo, all'ombra della chiesa di Notre Dame de la Paix, angolo suggestivo di un quartiere popolare, quadro perfetto per una cucina che Michele vuole di alto livello ma facilmente accessibile. Mentre a pranzo e al bancone Dilia offre piatti semplici a prezzi leggeri, la sera la proposta si articola in tre menu degustazione in 4, 6 o 7 passaggi, ulteriormente modulabili con diverse aggiunte.

Maestro nell'arte della mantecatura della pasta, Michele si diverte a reinventare il simbolo dell'italianità, con piatti come le Linguine con ostriche e limone, gli Spaghetti con ricci, kumquat e midollo, o i piccoli Tortelli con porri, gamberi rossi e cocco in una bisque al frutto della passione e citronella. Non mancano i riferimenti alla sua tradizione lucchese, come il mallegato, che ridotto in salsa accompagna ricciola, spinaci al sesamo e ribes rosso o la sua versione di pane, pomodoro e alice marinata: pura e semplice goduria.

Chef
Michele Farnesi

Sous-chef
Attilio Franzoi

In sala
Derick Fortes Rocha

In cantina
Derick Fortes Rocha e Michele Farnesi

Contatti

+33 953562414
1, rue d'Eupatoria
75020 - Parigi
dilia.fr
info@dilia.fr


Chiusura
martedì e mercoledì
Ferie
1-31 gennaio e 13-19 agosto
Carte di credito
no American Express
Menu degustazione
17, 21, 32, 48, 64 e 77 euro

Cos'ha scoperto lo chef
La pelle d'anatra alla pechinese: un piatto che l'ha sorpreso, una tecnica su cui ora sta lavorando
Perché fermarsi
per soddisfare pancia, testa e palato con la creatività schietta e l'elegante semplicità della cucina di Michele Farnesi, in una delle più piacevoli terrasse di Parigi

Lo chef consiglia
Café du Commerce 51, rue du Commerce 75015, Parigi: per un viaggio indietro nel tempo, attraverso un'autentica ed eccellente brasserie parigina

+ 33 1 45 75 03 27

Dove dormire
Fabric, 31 rue de la Folie Méricourt, info@hotelfabric.com

+ 33.1.43572700

Ilaria Brunetti
Ilaria Brunetti

matematica per caso, gastronoma per passione, ama girare il mondo - tra convegni di matematici e congressi di chef - per raccontare storie di cibo e dei suoi appassionati e appassionanti protagonisti

Condividi l'articolo