Cina

Tang Court del Langham

Viene dalla città di Zhangjiang, considerata la fucina dei migliori cuochi cantonesi (nell'estrema punta del Guangdong, al confine col Vietnam), e deriva da una famiglia di nonni, genitori e quattro fratelli tutti inesorabilmente cuochi. Una sorta di Jackson's Five dedicata anima e corpo alla cucina cantonese.

Lui è il moonwalker di famiglia, Justin Tan, talento 40enne che, meglio degli altri, ha portato alla vetta massima questa arte. Impresa non da poco in una città, Shanghai, che, oltre ai ristoranti di famiglia vanta non meno di 3 mila cucine di questo tipo (con le dovute proporzioni). Eppure il suo menu è quello più arci-classico che si potrebbe trovare tra Hong Kong e Shenzhen. No thrills, no frills: il Roasted suckling pig (il porceddu, per capirci), i Gamberoni saltati con le verdure, i Fagiolini marinati, i Black fungus, il riso saltato con vino di riso e tutte le variazioni di tofu.

Ma come riconoscere dunque un buon cantonese? Semplice, dalla chicken soup. Tra tante cotture complesse, come nel film "Ratatouille", la vera prova del fuoco è il basico brodo di pollo. Justin Tan la fa perfetta, secondo la ricetta di una volta, "come ormai non se ne trovano più". Cucinata per 5 ore, con doppia bollitura e con maiale e molluschi.

E' cosi che Tang Court è l'unico 3 stelle Michelin della città sin dalla prima uscita della guida (2016). Un marchio di fabbrica evidentemente di The Langham Hotel group (dove si trova il ristorante) il quale vanta un tristellato Tang Court anche a Hong Kong e vari ristoranti monostellati Ming Court, sparsi per tutta l'Asia.

Chef
Justin Tan

Contatti

+ 86 21 23302430
L/5, The Langham, 99 Madang Lu
- Shanghai - Shanghai
langhamhotels.com/en/the-langham/shanghai/dining/tang-court/
tlshx.tanghostess@langhamhotels.com


Chiusura
mai
Ferie
mai
Carte di credito
tutte principali
Prezzo medio vino escluso
800 CNY
Menu degustazione
600 CNY

Cos'ha scoperto lo chef
ha recuperato l'autenticità perduta del brodo di pollo
Perché fermarsi
perché è l'unico tre stelle Michelin cinese della città dal primo numero della guida. E per la Millefoglie di gamberoni saltati, polpa di granchio e pasta di maiale

Lo chef consiglia
"mangio solo nella mia cucina o in famiglia"

+

Dove dormire
nelle stesse camere dell'hotel Langham

+ 86.21.23302430

Claudio Grillenzoni
Claudio Grillenzoni

Giornalista col vizietto dell'esterofilia (da buon germanista) e del cibo (da buon modenese), dal 2007 vive felice in Cina, a Shanghai, tessendo ponti tra Oriente e Occidente

Condividi l'articolo