Lombardia

Sedicesimo Secolo

Simone Breda, classe 1985, è un giovane chef, e talentuoso, che ha nel suo bagaglio gli insegnamenti di due maestri (Gualtiero Marchesi e Moreno Cedroni) e tante tappe lungo una carriera sbocciata presto, che ora prosegue dietro casa, a Pudiano, frazione di Orzinuovi, lui che è di Pumenengo, ossia neanche 20 km più in là: il primo paese è in piena Bassa Bresciana, il secondo in quella Bergamasca, la provincia di Cremona a un passo, il fiume Oglio a far da filo conduttore e, insieme, confine.

Zona non semplice questa, per l’alta cucina. Dall’aprile 2016 Breda ha scelto di provarci nel suo Sedicesimo Secolo, che è il nome del ristorante aperto insieme alla compagna Liana Genini, bergamasca, di un anno più giovane. Si conobbero nel 2000 tondo tondo, all’Alberghiero di San Pellegrino Terme: lui voleva diventare chef («Una passione nata per caso, non sono figlio d’arte»), lei maître e sommelier. Aspirazioni divenute realtà.

Sedicesimo Secolo, lo dice l’insegna stessa, è tra le nobili mura di un palazzo del XVI secolo, a Pudiano, feudo dei conti Caprioli fin dal 1500. Vi opera una brigata giovane, tutti tra i 24 e i 28 anni, per soddisfare l’appetito di 35 commensali al massimo, coccolati in sala anche da mamma Luigia. Il luogo non è dietro l’angolo quasi per nessuno ma il pasto vale il viaggio: Breda fa parte a pieno titolo della nuova generazione di chef italiani, che ha appreso le tecniche dai grandi e non te le sbattono in faccia.

In questo senso, ha fatto proprie le lezioni apprese in passato: cucinare bene non implica lo strafare, inseguire la modernità è inutile se si lascia indietro il sapore; l’innovazione è un mezzo, non un fine. Lo si percepisce in piatti di squisita fattura, come l’ottimo Risotto capperi, limone e succo d’arrosto vegetale (con polveri di carota, sedano, levistico, cipolla, aglio) o l’Anatroccolo laccato al frutto della passione e pepe lungo di Giava. C’è sostanza e costanza; ottimo equilibrio e pienezza gusto. Soprattutto, grande pulizia e armonia nel piatto: Breda è un professionista coi fiocchi.
 

Leggi ancheSedicesimo Secolo, ma con modernità

Chef
Simone Breda

Ai dolci
Simone Breda

In sala
Liana Genini

In cantina
Liana Genini

Contatti

+39 030 5636125
via Gerolanuova, 4
25034 - Orzinuovi (Brescia) - Pudiano
ristorantesedicesimosecolo.it
info@ristorantesedicesimosecolo.it


Chiusura
l'intero lunedì, sabato a pranzo e domenica sera
Ferie
variabili
Carte di credito
no American Express e Diners
Menu degustazione
50 e 65 euro
Antipasto
18 euro
Primo
18 euro
Secondo
23 euro
Dolce
10 euro
Coperto
3 euro

Cos'ha scoperto lo chef
l'odore del fumo e della legna su certi alimenti
Perché fermarsi
perché Breda propone in modo intelligente l’apparente, rassicurante classicità, senza appesantirla di salse e grassi come al tempo che fu

Lo chef consiglia
Calchera, via Pieve Vecchia 23, Nave (Brescia)

+39.030.2530679

Dove dormire
Glam Hotel, via Milano 25, Soncino (Cremona)

+39.0374.83541

Carlo Passera
Carlo Passera

classe 1974, giornalista professionista, si è a lungo occupato soprattutto di politica e nel tempo libero di cibo. Ora fa esattamente l'opposto ed è assai contento così. Appena può, si butta sui viaggi e sulla buona tavola. Caporedattore di identitagolose.it

Condividi l'articolo