Francia

Symbiose

A Bordeaux, Symbiose riscrive a modo suo la storia di "Tutti per uno". Lucas, Simon, Thomas e Felix, poco più di 100 anni in quattro, compongono il quartetto di cuoco, sommelier e due barman che ha fatto presto parlare di sé con questo ristorante molto particolare nel paesaggio gastronomico della città del vino. Dopo delle esperienze riuscite, ciascuno nel proprio ambito, questi quattro hanno avuto il desiderio di unire le loro forze per immaginare un logo non solo inedito ma soprattutto in linea con l’evoluzione della ristorazione.

Un luogo a due, addirittura tre velocità, che propone una cantina bistronimica a buon prezzo a pranzo, un bar speakeasy con ottimi cocktail la sera e anche un’unione tra le due cose alcune sere in settimana (martedì e mercoledì). E che vuole far capire alla clientela il significato della parola “symbiose” (simbiosi) quando scopre che il bar ha preso in prestito alcuni usi e ingredienti dell’universo culinario per applicarli a quello della mixologia.

E lo stesso ha fatto la cucina: Tuorlo marinato in acquavite con cavolo rapa e crumble di grano saraceno, torta di cioccolato e whisky giapponese, barbabietole al Pineau des Charentes. Inutile sottolineare che ogni piatto viene proposto con un cocktail che vi si abbina, a sua volta preparato in casa (sciroppo, marinata) soprattutto a base di legumi. La nozione di pairing, normalmente relegata al registro degli accordi tra pietanze e vino, qui viene esaminata a partire dell'elaborazione del menu, grazie a un dialogo permanente tra i protagonisti. In totale simbiosi.

Chef
Felix Clerc

Sous-chef
Antoine Romagné

Ai dolci
Antoine Romagné

In sala
Chollet Simon et Lucas Maraton (barman)

In cantina
Thomas Nero

Contatti

+33 5 56236715
4 Quai des Chartrons
33000 - Bordeaux
facebook.com/symbiosebordeaux


Chiusura
domenica; chiuso le sere di lunedì, giovedi, venerdì e sabato
Menu degustazione
17 e 20 (pranzo), 45 (sera) euro

Cos'ha scoperto lo chef
a utilizzare i prodotti della cucina nei cocktail e i prodotti da bar nella cucina
Perché fermarsi
perché è un viaggio tra i cocktail senza precedenti

Lo chef consiglia
Soif, 35 rue du Cancera, bar à vins di prodotti naturali o nell'orto del ristorante a Belin Beliet, dove crescono il 50% delle verdure di Symbiose

+

Dove dormire
La Cour Carrée, 5 rue de Lurbe, Bordeaux, lacourcarree.com

+ 335.57350000

Olivier Reneau
Olivier Reneau

giornalista, scrive di creazioni contemporanee (art, architettura, design) e di art de vivre (cucina, enologia, mixologia) da più di 25 anni. Scrive per magazine generalisti (Air France Madame, The Good Life, Les Echos SL) e specializzati (Ideat), guide (Lebey, Interni...). Dal 2016 è caporedattore di Cuisines Révolution

Condividi l'articolo