Serbia

Enso

Non ci sono scuole prestigiose nei curricula di Uros Ivošević e Nedeljko Jerković, eppure la loro cucina, a pochi passi dal centrale quartiere Stari Grad di Belgrado, porta con sé la generosità della tradizione italiana, la tecnica della scuola francese, la creatività della cucina spagnola e la curiosità di una capitale che si affaccia al mondo del fine dining dopo l’esperienza (per troppi anni) isolata del rinomato Homa.

Il menu fa sfoggio di una Serbian attitude all’abbondanza (caratteristica, ad onor del vero, non solo serba) e stupisce per l’audacia con la quale cammina sul filo dell’equilibrio dei sapori... un carosello di crostacei, carne e pesce in cui, per abbondanza, si fatica quasi a distinguere un antipasto da una portata principale, ma che rimane nell’ambito di una progressione sensoriale che parte dalla freschezza e acidità degli ingredienti e procede con sapori di volta in volta sempre più robusti e persistenti.

Le salse giocano un ruolo determinante nel guidare il palato in questo percorso mentre i metodi di cottura suggeriscono come i due chef si divertano a cambiare spesso registro durante il pasto: pomodorini e champagne accompagnano l’affumicatura dei gamberi, spinaci e miele la marinatura del tonno, mela e cumino le crocchette di tartufo. E poi ancora nocciole e maionese a sposare la delicata cottura a vapore della seppia, arachidi e peperoncino l’orata alla griglia, albicocca e vino rosso l’oca confit... Tutto questo nell’attesa di sperimentare il prossimo accostamento.

Chef
Uroš Ivošević con Nedeljko Jerković

Sous-chef
Marko Petrović

Ai dolci
Uroš Ivošević con Nedeljko Jerković

In sala
Aleksandar Vrljanac

In cantina
Dejan Živkovski

Contatti

+381 63 594924
Mitropolita Petra 8
- Belgrado
www.enso.rs
info@enso.rs


Chiusura
lunedì
Ferie
mai
Menu degustazione
4.300, 5.300 e 7.900 dinari serbi
Antipasto
900 dinari serbi
Primo
1,450 dinari serbi
Secondo
450 dinari serbi
Dolce
150 dinari serbi

Cos'ha scoperto lo chef
la particolare combinazione di varietà autoctone di cetrioli selvaggi, funghi e carne
Perché fermarsi
per una delle migliori esperienze di fine dining a Belgrado, il potenziale dei due chef e il sorprendente utilizzo di salse e creme

Lo chef consiglia
Restoran Iris, Sarajevska 54, newbalkancuisine.com/iris: per il suo modo unico di interpretare la cucina balcanica

+381.64.1296377

Dove dormire
Le Petit Piaf, Skadarska 34, petitpiaf.com

+381.11.3035252

Giovanni Farinella
Giovanni Farinella

sangue siciliano, adora i gamberi rossi crudi e l’odore del soffritto di cipolla. Si occupa di marketing, intelligenza artificiale e hungryitalianintown.com

Condividi l'articolo